I PRIMI CAMPIONI

È il titolo a creare il campione, oppure è il campione a fare il titolo?

Ciclicamente, questa domanda si affaccia nel mondo del wrestling. Nonostante non ci sia una risposta univoca a questa domanda, se si parla dei Titoli Italiani di Coppia, sembrerebbe che la loro storia sia indissolubilmente legata a quella di un solo team: i Latin Lovers.

Rafael e Bon Giovanni formano un tag team da ben prima che la SIW istituisse i suoi titoli di coppia. Ovviamente, appena in SIW si presenta l’occasione, la coppia decide di non lasciarseli scappare e di dare l’assalto alle cinture. La storia dei Titoli Italiani di Coppia comincia, per così dire, in “terra straniera”: è durante lo show “I Miti del Wrestling” del 4 febbraio 2018 a San Giorgio a Cremano che i titoli vengono messi per la prima volta in palio. Le due coppie scelte per contendersi l’onore di essere incoronati primi campioni tag della storia della SIW sono, appunto, i Latin Lovers e un duo alquanto improbabile: Picchio “Lucha Pride” ed Alex Flash, che nel corso del 2017 si sono più volte affrontati per il titolo Wild. Forse proprio per le ruggini del passato, forse semplicemente perché i Latin Lovers lottano assieme da molto più tempo e formano un team temibile e affiatato, Flash e Picchio vengono sconfitti e Rafael e Bon Giovanni conquistano per la prima volta i Titoli Italiani di Coppia.

UN NUOVO TAG TEAM

Da quel 4 febbraio, i Latin Lovers sono al top della categoria tag team della SIW. Sembrano non esserci rivali per loro: nessun team sembra agire in perfetta sintonia come i Latin, che, per andare sul sicuro, mettono nei loro match quella piccola dose di scorrettezza che non guasta mai e che permette loro di difendere i titoli in lungo e in largo.

Tuttavia, la prudenza non è mai troppa. Non basta essere uno dei tag team più longevi e titolati d’Italia, non basta ricorrere a ogni genere di scorrettezza per vincere gli incontri; no, i Latin Lovers vogliono essere sicuri al cento per cento che nessuno di metterà sulla loro strada. Per questo motivo, il 10 febbraio 2018, freschi di vittoria dei titoli di coppia, i Latin Lovers decidono di attaccare Incubo, uno degli atleti più temibili della SIW, e di infortunarlo alla testa.

Quell’attacco non ha conseguenze immediate, ma nelle settimane successive ad Incubo accade qualcosa: il dolore è grande, l’orgoglio è ferito, Incubo non si riconosce più. Il Signore delle Tenebre, in cerca di vendetta, cambia personalità, abbandona il lato oscuro e al suo posto compare un uomo nuovo, completamente diverso. A fine maggio 2018, sui ring della SIW compare Nick Wave, il “Grande Blu”. E Nick Wave è in cerca di vendetta. Per ottenerla, Wave trova un alleato nella Suplex Star Darko, che ha fatto il suo debutto a Giorno del Giudizio 2017 e che ha già sconfitto Rafael in un match singolo svoltosi ad aprile in WIVA. Darko è determinato ad aiutare Wave a ottenere la sua vendetta e, già che c’è, a vincere il suo primo titolo in SIW. I due atleti si rinominano “Space Sharks” e, come banco di prova, lottano assieme in quattro diversi show a Carrara tra il 20 e il 27 maggio, in cui si dimostrano un team tanto affiatato quanto pericoloso.

A Giorno del Giudizio 2018, davanti a oltre trecento spettatori, il regno dei Latin Lovers termina con la loro sconfitta ad opera degli Space Sharks, che diventano i nuovi Campioni Italiani di Coppia.

IL TERZO LATIN LOVER

Sembrerebbe la classica storia del bene che, infine, trionfa contro il male. Peccato che, nel wrestling, le faide non abbiano mai termine e che il male possa tornare in qualunque momento. I Latin Lovers non ci stanno e, determinati a riprendersi le “loro” cinture, sfoderano il loro asso nella manica: gli occorre un terzo membro. Il wrestler designato è un giovane prospetto, allievo di Alex Flash: Thunder Kid. Il ragazzo è giovane, ma ha grinta da vendere e i Latin vedono qualcosa in lui che li spinge a volerlo nel team. Dapprima Thunder Kid rifiuta, ma, di fronte alle continue insistenze dei due, decide di mettere in palio la sua libertà contro Rafael.

Tutto questo accade mentre gli Space Sharks sono messi alla prova per la loro prima difesa titolata contro la Darkest Hour. Il team è composto dal Barone Nero Ivan LaCroix, e “l’Essere Supremo” Stryke Hellwig; LaCroix e Hellwig avevano già lottato assieme in passato, fino a che un infortunio alla spalla aveva costretto Stryke ad un lungo periodo di stop. Il team fresco di reunion è più combattivo che mai e deciso a fare un ritorno col botto conquistando le cinture, ma gli Space Sharks non hanno intenzione di cedere i titoli così presto e, nonostante i Darkest Hour si rivelino una dura prova, riescono a sconfiggere gli avversari e mantenere i Titoli Italiani di Coppia.

A fine luglio, Thunder Kid perde il match contro Rafael, perché i Latin Lovers, come sempre, com’è ovvio, giocano sporco. Ma non solo: se dapprima Thunder sembra infelice nel suo nuovo ruolo, a poco a poco i Latin Lovers lo corrompono nel profondo e Thunder abbraccia sempre di più questa sua nuova natura, cambiando nome in “Thunder Lover” e diventando a tutti gli effetti il terzo membro dei Latin Lovers.

Con quest’ulteriore asso nella manica, Rafael e Bon Giovanni possono chiedere il rematch per i Titoli Italiani di Coppia, che avviene il 19 agosto 2018 a Marina di Pisa e che li vede, grazie all’intervento decisivo di Thunder Kid, e di una sediata fortuita, riconquistare i “loro” titoli. I Latin Lovers diventano per la seconda volta Campioni Italiani di Coppia.

La storia non finisce qui, ovviamente, perché le faide nel wrestling, appunto, non finiscono mai. Subito dopo la sconfitta, gli Space Sharks promettono che torneranno ancora all’assalto delle cinture, affermando che “gli squali hanno assaggiato il sangue”.

Soprattutto, nei mesi successivi, emerge quanto i Latin Lovers siano forti unicamente se lottano assieme. Negli show della Wildboar Wrestling, sia Rafael che Bon Giovanni subiscono delle sconfitte in singolo, con Rafael che viene battuto sia da Darko che da Nick Wave; non solo, quando Rafael si trova a lottare in coppia con altri atleti, come Dylan Rose ad esempio, non riesce a far scoccare la magia e viene sistematicamente sconfitto.

La vera forza dei Latin Lovers sta nel loro affiatamento come team e, avendo conquistato un terzo membro, anche nel numero. Se da soli o in coppia con altri sembra che possano essere battuti, assieme si rivelano il tag team più forte d’Italia, con sempre una freccia in più al loro arco.

3 WAY DANCE

Si sa, tuttavia, che con gli squali non bisogna mai abbassare la guardia. Gli Space Sharks imparano, studiano ogni mossa dei Latin Lovers e, alla fine, il 25 aprile 2019 strappano le cinture ai due storici avversari. Ma ancora una volta il destino sembra voler favorire i Latin: dal momento che ben tre tag team stanno ormai gravitando attorno alle cinture, Sharks, Latin e Darkest Hour, la SIW decide di indire il suo primo

Triple Threat tag team match a Giorno Del Giudizio 2019. E nessuno sembra essere più bravo dei Latin Lovers nello sfruttare i numeri a proprio vantaggio. Così, durante il match i Latin Lovers rubano il pin vincente agli Space Sharks, che con la loro Shark Attack avevano messo fuori gioco Ivan LaCroix, e riconquistano, ancora, per la terza volta, le cinture di coppia. Da quel momento, per i titoli tag team si apre un nuovo capitolo. La SIW mette in piedi l’ambizioso progetto di “War of the Worlds”: tre show di tre episodi ciascuno, per un totale di nove spettacoli, in cui saranno presenti atleti da ogni parte del mondo. Durante questa serie di show, i Latin Lovers affrontano tutti: gli Space Sharks per ben due volte, la Darkest Hour, persino i loro primissimi avversari, Picchio ed Alex Flash, ma in un modo o nell’altro riescono sempre a vincere, riescono sempre a cavarsela, nonostante nel frattempo subiscano l’abbandono di Thunder Kid, che finalmente si ribella al loro modo di essere e di combattere.

Ma ecco che avviene l’imprevisto: la storia dei titoli di coppia si intreccia con quella di un altro titolo, quello di Campione Italiano, reso vacante da Tempesta a causa di un infortunio e messo in palio nel primo Ladder match della SIW. Come era prevedibile, chi gioca sporco sono ancora i Latin, o, per la precisione, è Rafael. Il Sangre Latino sembra tradire il compagno di sempre, Bon Giovanni, e afferra la cintura, diventando dunque per la prima volta campione italiano e mantenendo anche, contemporaneamente, il titolo di campione italiano di coppia.

Da qui in poi inizia una nuova fase per i Latin Lovers. Nonostante quanto avvenuto a War Of The Worlds 3, Bon Giovanni sembra deciso a non abbandonare il compagno, perciò adesso i Latin Lovers, con ogni loro mezzo, dovranno difendere una cintura in più.

Saranno i titoli a fare i campioni o viceversa, non si sa. Se sia più importante la cintura o l’uomo che la indossa, non si sa. Ma è certo che, almeno finora, sulle cinture dei Titoli Italiani di Coppia sia stampata una rosa stregata, che sembra non voler appassire mai.

THIS IS SYSTEM

Durante l’estate del 2020, Rafael sembra voler spronare il suo tag team partner a togliersi qualche soddisfazione in singolo, affiancandolo, e ovviamente aiutandolo, durante il torneo per la riassegnazione del titolo Wild. Bon Giovanni però arriva solo ai quarti di finale, venendo sconfitto da Adriano dopo un match che porta entrambi i wrestler all’estremo. Bon fallisce quindi nel portare tutti i titoli della SIW sotto il segno della rosa dei Latin Lovers, ma ciò non sembra scalfire minimamente il sodalizio tra i due. Poi, accade l’inaspettato; accade il cambiamento.

La SIW mette in piedi l’ennesimo ambizioso progetto, il cui proposito è cambiare totalmente le regole del gioco: Tuesday Night System. Si tratta di uno show settimanale che va in onda ogni martedì sera, affiancato al progetto dell’Occhio del Coach, ma ancora più in grande, ancora più ambizioso. I Latin Lovers non hanno dubbi: loro sono i campioni di coppia e il campione italiano, rappresentano il meglio del meglio della SIW. Perciò, decidono di far loro la prima puntata di System, annunciando una Latin Lovers Celebration, in cui celebreranno il primo anno da campione italiano di Rafael e il loro maestoso, monumentale regno come campioni di coppia.

Il piano dei Latin è quello di fare festa grande, ma ai festeggiamenti si presentano degli ospiti molto particolari: la Darkest Hour. Questa stable si è costruita lentamente ma inesorabilmente; già la scorsa estate si era imposta contro i Latin in un Mixed tag team match, in cui

avevano presentato la loro nuova adepta: dopo Ivan LaCroix, Stryke Hellwig e Lucifer, è arrivata la temibile Emily Ramirez. Sul ring si presentano solo LaCroix e Hellwig, con un contratto firmato dalla dirigenza per un match valido per i titoli di coppia che sarebbe partito in quel momento. I Latin Lovers sono sicuri di se stessi, come sempre hanno tantissimi assi nella manica. Ma qualcosa non va: forse per lo spaesamento, forse per la troppa emozione, i Latin Lovers fanno una frittata dopo l’altra. Alla fine l’errore fatale è commesso da Rafael, quando un Superkick diretto a LaCroix colpisce per sbaglio Bon Giovanni, il quale cade inesorabilmente vittima di una Swanton Bomb di Stryke Hellwig. Il regno del terrore dei Latin giunge al termine ed il regno della Darkest Hour comincia, chiudendo la prima storica puntata di System.

I Latin sono a dir poco spaesati, persi, increduli. Non avere le cinture di coppia li fa sentire quasi nudi: i titoli devono tornare in loro possesso in un modo o nell’altro. E, poiché le sfortune non vengono mai da sole, c’è anche il problema del titolo italiano, dato che la dirigenza SIW spinge affinché Rafael difenda finalmente la cintura.

I Latin Lovers riflettono e studiano un piano, un piano che coinvolge una loro vecchia conoscenza: Thunder Kid. Il giovane wrestler è, appunto, ancora giovane, ma ha già combattuto per il titolo italiano e si sente pronto per una seconda opportunità. Rafael, approfittando della sua ambizione, gli dice che gli concederà quel match per il titolo che tanto agogna, ma ad una condizione: in caso Thunder Kid perda, al momento opportuno dovrà restituire il favore. Thunder Kid non ci pensa un secondo e accetta la proposta di Rafael.

Nelle settimane seguenti, i Latin pensano anche ad un piano B, quando Bon Giovanni prova lui stesso a diventare n°1 contender al titolo lottando in un Fatal 4 Way; purtroppo per loro, però, è Picchio a vincere la contesa. Intanto Rafael, seppur messo a dura prova perché Thunder Kid non ne vuole sapere di arrendersi, alla fine riesce a sconfiggere Thunder, che non solo dunque non diventa campione italiano, ma deve anche un favore ai Latin Lovers.

Il favore in questione appare chiaro nel segmento di apertura di TuttoXTutto, il primo “Main Show” di Tuesday Night System. I Latin Lovers, accompagnati nientemeno che da un avvocato personale (il Latin Lawyer), rivelano a Thunder Kid che sarà obbligato a fare da tag team partner a Bon Giovanni nel rematch contro la Darkest Hour, dal momento che Rafael sarà impegnato a difendere il titolo italiano e non potrà prendere parte al match; non solo, Thunder dovrà presentarsi vestito come Rafael. Per Thunder si riaffacciano i brutti ricordi dei tempi di Thunder Lover, quando era stato obbligato a servire i Latin. Tuttavia, ha firmato un contratto e deve rispettarlo; inoltre, come Bon gli ricorda, potrebbe diventare campione di coppia, una prospettiva che forse rende meno amara la situazione in cui Thunder si trova. Thunder si impegna al massimo, come suo solito, e il suo impegno spinge anche Bon a dare tutto se stesso; Thunder si ispira anche a Rafael in alcuni punti del match, come quando propone a Bon un doppio Superkick su LaCroix. Il team sembra affiatato, sembra potercela fare, ma alla fine la Darkest si dimostra più scaltra, forse più cattiva: La Croix spinge Thunder Kid prima contro Bon, poi fuori dal ring e Bon Giovanni, rimasto solo, subisce ancora una volta la Swanton punitiva di Stryke Hellwig. La Darkest Hour mantiene le cinture.

 

Per la Darkest Hour, la vittoria contro Bon Giovanni e Thunder Kid rappresenta una prova di forza importante, ma il duo dell’oscurità non fa in tempo a festeggiare che subito due nuovi nemici, o meglio, due vecchi nemici, si prospettano all’orizzonte: gli Space Sharks.

In questo periodo, gli Sharks sono tormentati da un oscuro personaggio che recentemente ha fatto il suo ritorno in SIW: Killer Mask. Darko è stato attaccato alle spalle dal wrestler mascherato ed è in cerca di vendetta, così Wave, per aiutare l’amico, chiede ed ottiene un match contro la Darkest; non si tratta di un match titolato, ma, in caso di vittoria, potrebbero richiedere una title shot in futuro. 

Purtroppo il match non va secondo i piani di Big Blue, in quanto Darko, in preda a uno scatto d’ira, si fa squalificare nel corso del match e il tutto termina in una rissa tra lui e Stryke Hellwig. Proprio Stryke nelle settimane successive chiede di regolare i conti con Darko uno contro uno.

E Thunder Kid e Bon Giovanni? Ebbene, se Stryke è impegnato con Darko, Ivan LaCroix deve affrontare Bon Giovanni in un match uno contro uno. Un po’ inaspettatamente, Thunder Kid non abbandona Bon, ma anzi decide di essere presente al suo angolo, sembrando intenzionato a voler proseguire questa bizzarra alleanza nata per caso (o meglio, nata grazie ai magheggi di Rafael).

In seguito alla vittoria di Bon su LaCroix, e vista la volontà di Stryke di regolare i conti con gli Space Sharks, la dirigenza decide che nella puntata speciale “The Flash” ci sarà un Three Way match per i titoli italiani di coppia. Ma c’è qualcuno che è scontento di ciò, e non si tratta, come si potrebbe pensare, della Darkest Hour, bensì di Rafael. Il campione italiano, infatti, a “The Flash” dovrà difendere il titolo proprio contro il Coach e vorrebbe che Bon Giovanni rinunciasse all’opportunità titolata per essere presente nel match di Rafael e aiutarlo a mantenere la cintura. Bon, però, non è d’accordo: un po’ perché vuole vedere tutti i Latin Lovers di nuovo campioni, un po’ perché, forse anche spronato da Thunder Kid, ci tiene a dimostrare a tutti di essere un campione. La cosa crea non poca maretta nel gruppo dei Latin.

Si arriva quindi a “The Flash” e il preannunciato Three way match è un autentico spettacolo, dove le storie che si intrecciano sono molteplici: i conti in sospeso di Stryke con Darko, Wave che cerca di tenere a freno l’amico, la voglia di vincere di Thunder che lo spinge a non cedere anche quando viene massacrato senza sosta dagli avversari. Nelle fasi finali del match, Wave, incitato da Darko, sbatte violentemente Bon contro il palo esterno del ring, causandogli un infortunio. Bon viene portato negli spogliatoi seguito da Thunder. Nel frattempo, sul ring, gli Space Sharks sembrano arrivare vicini alla vittoria, dapprima con una devastante combo di Powerbomb dal paletto di Wave e 450 splash di Darko, poi con un tentativo di Shark bomb.
Ma, all’improvviso, le luci si spengono, Darko scompare e Wave, al posto di Stryke, si ritrova addosso Killer Mask, che lo provoca e si fa inseguire negli spogliatoi. Sul ring rimane solo la Darkest Hour e Thunder Kid, che nel frattempo era ritornato sul ring determinato a vincere i titoli di coppia anche da solo. Purtroppo, nonostante l’ottima prestazione, Thunder non può nulla solo contro due avversari temibili come la Darkest Hour e viene sconfitto dai campioni, che mantengono così le cinture.

Un autentico giro di boa per i campioni di coppia: in un solo match hanno sconfitto due tag team che hanno letteralmente dominato la categoria di coppia della SIW, monopolizzando i titoli per quasi tre anni. Dopo una simile prova, è tempo di trovarsi dei nuovi avversari.

Così, nella puntata di System successiva a “The Flash”, Stryke Hellwig decide di lanciare una open challenge per i titoli di coppia, valida da lì fino a Just Fight, l’annunciato nuovo Main Show della SIW. I primi sfidanti sono nientemeno che due allievi di Rafael: Kevin Caio e Matt Cecil. I due sono giovani e hanno pochi match alle spalle, quindi per la Darkest Hour sconfiggerli non è così difficile; ciononostante, i due ragazzi si fanno valere e dimostrano alla Darkest Hour che la categoria di coppia SIW pullula di possibili contendenti alle cinture. A questo punto, Stryke Hellwig spiazza il pubblico rivelando che a Just Fight ci sarà un Rumble match a tag team, valido per i titoli italiani di coppia!

Prima di Just Fight, la Darkest Hour ha modo di affrontare un altro nuovo team, composto da Hard Rock, storico wrestler della 2PW da poco tornato in azione, e Merak. Il duo di “duri” si dimostra ostico, ma anche questa volta la Darkest porta a casa una vittoria.

Arriva il giorno di Just Fight e la Darkest Hour preannuncia che entreranno nel match con il numero uno, un gesto simbolico che dimostra l’intenzione del duo di “rifondare” la categoria di coppia.

Sono dieci i tag team che prendono parte alla Rissa Reale. Abbiamo i due team che già hanno provato a strappare i titoli alla Darkest: Cecil e Caio, Hard Rock e Merak. Abbiamo team formatisi per l’occasione, composti da wrestler alla ricerca del loro primo titolo in SIW, come il duo composto da Vertigo e Marcus Valentine, o il gruppo di atleti fiorentini Doc Miller e Taoma Twin, il fratello di Pan; c’è anche un duo al limite dell’improbabile come quello di Royjoy e Zero The Fool (il quale, durante il match, usa Royjoy come arma da mischia). Ci sono poi delle sorprese inaspettate: si riformano, inaspettatamente, i ChiroJet, Jet e Leon Chiro, che in passato erano stati avversari; abbiamo ancora Bon Giovanni e Thunder Kid, i “Love and Thunder”, determinati a vincere per loro stessi e non come Latin Lovers; c’è il ritorno di Ronin in coppia con Pegaso, che fa esplodere di gioia il pubblico. Infine, come ultimo ingresso, due outsider, due sorprese, due debuttanti in SIW: i BBB, Nico Inverardi e Mirko Mori.

Le regole della Rumble stabiliscono che un team viene eliminato quando tutti e due i membri vengono lanciati oltre la terza corda. Nel match Bon Giovanni fa una grande prestazione, dimostrando che il passato infortunio non lo impensierisce più. Nelle fasi finali, Bon elimina Ivan LaCroix lasciando Stryke da solo, ma poi si raggela all’ingresso dei BBB che fanno piazza pulita ed eliminano Hard Rock e Merak. Bon suggerisce quindi a Stryke, rimasto solo, un’alleanza, ma Stryke non la pensa come lui e cerca subito di eliminarlo, senza riuscirci. Dato che un’alleanza è impossibile, Bon Giovanni non è da meno di Stryke: quando il Vegan Warrior sale sul paletto per una mossa volante contro gli avversari, Bon lo fa cadere giù, assicurando quindi che al termine della Rumble ci saranno dei nuovi campioni italiani di coppia. Nonostante sia rimasto solo, Bon Giovanni non si arrende e tenta di lanciare fuori ring Mori a suon di Superkick, ma ecco che Inverardi decide di sacrificarsi, lanciandosi contro Bon e autoeliminandosi, ma facendo rimanere Mori come unico sopravvissuto: i BBB sono i nuovi campioni italiani di coppia!